La dentatura nel Deutscher Jagdterrier

La dentatura si divide in una prima decidua o da latte ed in una seconda definitiva o permanente.

La formula dentaria può essere suddivisa in quattro quadranti, uno superiore destro, uno superiore sinistro, uno inferiore destro e uno inferiore sinistro.

La formula dentaria decidua o da latte è composta da 28 denti che compaiono intorno ai 20 giorni di vita.

Sono sempre assenti il primo premolare (P1) e tutti i molari.

La formula dentaria permanente è composta da 42 denti che compaiono intorno ai 120 giorni e si completa tra i 7-12 mesi di età.

I: incisivi (1-2-3).  C: canini. P: premolari (1-2-3-4). M: molari (1-2-3)

I: incisivi (1-2-3).  C: canini. P: premolari (1-2-3-4). M: molari (1-2-3)

Lo standard di razza recita:

Denti:  grossi, bianchi, 42 denti correttamente posizionati senza distorsioni secondo la formula dentaria.

Mascella e mandibola:  robuste con un Morso perfetto, regolare e completo, ove la linea degli incisivi superiori sovrappone quella inferiore senza spaziatura, con i 42 denti correttamente posizionati  perpendicolarmente alle mascelle.

Chiusura a forbice.

La mancanza di uno o entrambi gli M3 (terzo molare) non costituisce difetto.

Come difetto grave, vengono indicate le occlusioni del morso non perfette ed ogni dente non perfettamente allineato.

La mancanza di denti (ad eccezione degli M3), tutte le occlusioni diverse dalla “forbice”, quindi prognatismo, enognatismo, chiusura a tenaglia o parziale tenaglia, chiusura incrociata, denti fortemente mal allineati o presenza di distorsioni sono tutti difetti eliminatori che escludono il soggetto dalla riproduzione.

Da qui si comprende quanta importanza viene data alla dentatura in questa razza e con quanta rigidità viene valutata.

Ciò è dovuto alla filosofia della cinotecnica tedesca che vede nella completezza della dentatura un canone molto rigido.

I difetti di dentatura nei cani sono presenti in tutto il mondo ed in alcuni casi affliggono l’operato di molti allevatori, ma nonostante anni di selezione, soprattutto da parte della cinotecnica tedesca, non si è riusciti ad eliminare il problema ed è curioso constatare che alcune razze per le quali non è mai stata data grande importanza alla valutazione della dentatura non presentino più problemi di altre.

Tuttavia, l’attento controllo della dentatura riveste un ruolo importante nel contesto di un allevamento canino serio e ad oggi la selezione risulta l’unico modo per migliorare.

Va comunque ricordato che le occlusioni non andrebbero valutate considerando soltanto gli incisivi, ma andrebbero valutate con attenzione nel loro insieme, osservando quindi anche i rapporti tra canini, premolari e molari.

Corretta chiusura a forbice

Corretta occlusione dei premolari

Alcuni difetti eliminatori

Incisivi mal allineati

Mancanza di un incisivo

Distorsione a 90° del 3° premolare (P3)

Prognatismo

Mancanza di entrambi i P 2

Enognatismo con conseguente mal occlusione dei canini

Incisivi mal allineati

Mancanza P 3

La Razza DJT

I Grandi Protagonisti

Cucciolate

Curiosità